Flamingo Edizioni lancia un progetto INSOLITO:
"Non accettare lettere dagli sconosciuti (salvo eccezioni)"

Uno scrittore, che desidera rimanere nell’anonimato, vuole lanciare un progetto aperto a chiunque desideri cogliere l’occasione di scrivere un romanzo epistolare a 4 mani. Si tratta di un’idea innovativa, un esperimento che, l’autore scommette, porterà alla realizzazione di un testo insolito.

Questa è l’email che abbiamo ricevuto

“Spettabile Flamingo Edizioni,

vi contatto per una proposta insolita.

Voglio fare una scommessa. Un esperimento. Forse una follia.

Ad oggi ho scritto e pubblicato due romanzi, ma per questo progetto chiedo di rimanere nell’anonimato perché il genere che andrei ad affrontare è decisamente lontano dalle mie prime pubblicazioni e il risultato che spero di ottenere non è vincolato a nessuna norma letteraria, etica o canonica.

Vi chiedo di pubblicare la prima lettera del protagonista, quella che darà il via allo svolgersi della vicenda. Chiunque vorrà potrà rispondere e io mi occuperò di proseguire selezionando una fra le risposte più promettenti.

Lo scambio di mail potrebbe interrompersi laddove dovesse mancare il guizzo creativo da una delle due parti.

Si tratta quindi di una sfida con se stessi ma anche con l’altro. Una sorta di “gioco al rialzo”, che vorrebbe creare un terreno fertile per colpi di scena e innovazione.

Nella speranza che possiate prendere in considerazione il mio progetto e farvene portavoce, sono anche intenzionato a proporlo alla vostra casa editrice per la pubblicazione quando questo sarà terminato. I motivi che mi hanno spinto ad individuare proprio voi sono diversi, tra i quali il fatto che abbiate pubblicato recentemente un libro (parlo di “Ultimo Atto” di Johan L. B.) che reputo innovativo e decisamente “fuori dagli schemi”, come vorrebbe essere anche questo di cui mi occuperei personalmente.

Ecco dunque la mail/incipit di quello che vorrei far diventare il romanzo epistolare:

Miro alla testa, aumento lo zoom del mirino. Il soldato che tra poco si accascerà a terra è girato di spalle. Inspiro e mi affido alla mano ferma concessa dal diazepam assunto poco fa.

Sparo, colpendo proprio il centro della nuca. Il soldato cade, in una pozza di sangue.

Dall’alto del palazzo su cui sono appostato passo subito al prossimo bersaglio.

Ripeto meccanicamente da capo le operazioni appena concluse.

Le scie di sangue spariscono poco dopo essere state sparse al suolo.

Inizio ad annoiarmi: sto sbadigliando.

Decido di colpire i civili. Stesso procedimento: miro, zoom e sparo.

Miro, zoom e sparo.

Ma non mi basta. Continuo a non divertirmi.

Prendo di mira i miei alleati.

Miro. Zoom. Sparo.

Il sangue macchia il terreno e poco dopo sparisce.

Basta, cambio scenario.

Ora sono alla guida di un’auto sportiva. Sfreccio rapido in una città dell’America centrale.

A bordo strada sosta un capannello di persone che trovo molto invitante.

Premo sull’acceleratore e punto in modo deciso verso di loro.

Li investo come birilli.

La maggior parte cade a terra e quelli che se la sono cavata fuggono urlando.

Arresto la macchina. Scendo e raccolgo i soldi che aleggiano sui loro corpi morti.

Risalgo rapido sull’auto e torno a correre per le strade finché dietro di me appaiono alcune  auto della polizia a sirene spiegate.

Mi attraversa una leggera adrenalina e inizio a immaginare la fuga perfetta, o la mia morte.

Salgo a tutta velocità su un ponte e sterzo bruscamente a destra, precipitando nel fiume con l’auto.

Sono morto.

Ricompaio vivo al di fuori di un ospedale. Ancora una volta con la mia vita e la mia noia in mano.

Da tempo trascorro le mie giornate così: davanti al pc, ai videogiochi o facendo scorrere le vite degli altri con un pollice su uno smartphone.

Ma ora eccomi qui a scrivere. Ma a chi?

Forse sto solo scrivendo a me stesso. Dopotutto ormai non interagisco con nessuno al di fuori di me stesso da… quando? Nemmeno lo ricordo.

Sono convinto di non aver bisogno di nessuno e, anzi, che “gli altri” siano solo una seccatura.

La mia comfort zone si è ristretta fino a coincidere con la mia stessa pelle.

Ma ora scrivo a te.

A te, che probabilmente nemmeno mi risponderai. A te, che magari proprio come me ti senti comodo solo fino alla tua pelle e oltre a quella non tolleri nulla, nemmeno la luce del sole.

O magari a te, che invece conosci ancora il piacere delle piccole cose. Quelle piccole cose che io ho dimenticato e che non voglio nemmeno ricordare per il senso di inadeguatezza che mi sbattono in faccia ogni volta che ci penso.

Scrivo a te, a un indirizzo mail a caso, perché ora voglio vivere qualcosa di più vero: tutti questi schermi iniziano a non  bastarmi.

E tu? Chi sei? Ma, soprattutto, ci sei?

D.”

Chiunque lo desidera può rispondere a “D.” all’indirizzo mail:

lautoremisterioso@gmail.com, realizzato appositamente da noi per questo progetto. Ci occuperemo di fare da tramite tra i due scrittori, garantendo l’anonimato richiesto.

Noi di Flamingo scommettiamo che sarà una bella avventura, e voi?

Iscriviti alla nostra newsletter




Al momento le proposte per il piano editoriale del 2022 sono sospese.
Vi aggiorneremo quando riapriremo alla valutazione di nuovi manoscritti.

Flamingo Edizioni

L'obiettivo della nostra casa editrice è quello di riportare alle persone il piacere della lettura e della conoscenza, allo scopo di moltiplicare le loro possibilità esistenziali, relazionali e sociali.

La storia della nostra piccola casa editrice bellinzonese parte nel lontano 2008. Chiamatasi inizialmente Quovadis Edizioni, nacque per dare brio e speranza alla stagnante situazione culturale ed economica del paese, che stava allora subendo pesanti ripercussioni a causa della crisi economica globale. Dopo le prime difficoltà iniziali, i riscontri furono incoraggianti e nel giro di pochi anni vennero pubblicati una quindicina di testi fra romanzi, racconti, poesie, saggi e libri d’arte. Unitamente a ciò, alla piccola casa editrice propriamente detta venne affiancata una scuola di scrittura creativa inizialmente diretta dalla scrittrice Annalina Molteni, con la quale Quovadis pubblicò il romanzo “La merenda di Hitler”.

Nel corso del 2015 la casa editrice venne totalmente rinnovata e riorganizzata intorno ad un progetto più dinamico e duttile (facendo tesoro dell’esperienza accumulata dai nostri collaboratori) e per l’occasione decidemmo di modificare anche l’immagine, il logo e la denominazione che da allora diventò “Flamingo Edizioni”.

La nostra offerta

Print center

La nostra offerta di servizi di stampa e rilegatura a prezzi vantaggiosi.

Libreria Bellinzonese

Libreria in centro a Bellinzona dove troverete un'ampia offerta di libri usati e non.

Corsi di scrittura

Offerti dalla nostra scuola di Scrittura Creativa “I Giardini della Mente”.

Analisi Letteraria

Hai scritto un romanzo o una serie di racconti e vorresti pubblicarli, ma desideri avere un feedback professionale, oggettivo e obiettivo?

Pubblicazione Gratuita

La nostra casa editrice offre a tutti i potenziali scrittori una possibilità, concreta e a costo zero, di pubblicare i propri lavori.

Multiverso

Le nostre collane

La Flamingo Edizioni osa volare al di là dell’orizzonte, esplorando universi alternativi con collane che facciano scoprire nuove dimensioni, laddove le singole vite si possano moltiplicare.

01.

Attra-verso

Nuove realtà, nuove esperienze e modi di vedere il mondo; opere che non siano solo finestre, bensì porte dalle quali entrare, vestendo i panni dei protagonisti. Dimenticare la propria quotidianità ed evadere, attraverso gli occhi altrui.

02.

Intro-verso

Emozioni, flussi di coscienza, poesie, voci e dialoghi interiori; una dimensione intima in cui entrare in punta di piedi, alla ricerca del proprio riflesso. Vissuti in cui riconoscersi, sentimenti che stimolino a loro volta la riflessione e il pensiero introspettivo.

03.

Contro-verso

Saggistica, giornalismo, ricerca e approfondimenti; scritti in grado di sconvolgere, mettere in discussione e contestare la realtà quotidiana cui siamo abituati. Riflessioni per istigare lo spirito critico, generare e animare dibattiti, offrendo scorci di nuove possibilità: il rovescio di quella medaglia che – forse – non avremmo mai voltato.

LETTERATURA - SOCIALITÀ - QUALITÀ DI VITA

Un’iniziativa finalizzata alla promozione del sapere e del piacere della lettura

Il flamingo

Fenicottero, uccello esotico, strano, affascinante, di una bellezza diversa, altra, e dalla marcata tempra sociale che, malgrado la sua apparente fragilità, è tutt’altro che fragile.

Gli inizi

L’interesse per l’editoria è nato da un gruppo di operatori attivi da molti anni in ambito psichiatrico e psicoterapeutico ai quali si sono aggiunti alcuni amici e simpatizzanti interessati all’antropologia, alla psicologia, alla narrativa e alla saggistica.

L'aspetto terapeutico

La casa editrice si affianca alle attività terapeutiche che abbiamo voluto offrire a tutti quegli utenti che necessitano di ritrovare nuovi stimoli ed elementi creativi a sostegno del loro lavoro psicoterapeutico, riabilitativo, formativo, educativo e lavorativo ... attraverso la parola, la scrittura, la ricerca di nuove forme espressivo-creative ed esistenziali in grado di riattivare i processi di auto guarigione e auto realizzazione.

Il processo di pubblicazione

Due sono gli orientamenti/ambiti che alimentano le nostre pubblicazioni: il primo è quello legato alla scuola di scrittura creativa aperta a tutti gli interessati, e il secondo è legato ad autori che sono indipendenti dalla scuola di scrittura creativa e che ci sottopongono i loro scritti originali, i quali vengono selezionati dal nostro comitato editoriale di lettori della Flamingo Edizioni.

Orlando Del Don

Editore