Il caso Gulliver

13.00 CHF

Il debito che certi magistrati hanno contratto con le vittime della magistratura è così grande e mostruoso che né loro né lo Stato né il tempo saranno mai in grado di onorare e riparare

Descrizione

Tutti commettono errori. Ma non i magistrati. Ovviamente, nessuno lo ammetterà mai, ma la percezione che le toghe camminino qualche centimetro da terra è abbastanza diffusa sia tra i cittadini comuni che tra chi dirige le danze della società in cui viviamo. Fino a quando i loro errori non toccano qualcuno di noi. Allora cambia tutto. A quel punto ci rendiamo conto che coloro che sono l’incarnazione stessa della Legge, i fedeli e integerrimi interpreti di norme, codici e articoli scritti su libri sacri, sui quali poggiano le fondamenta della società e del nostro Paese, sono solo comuni mortali. E sbagliano. Basterebbe riflettere sul fatto che un reato può venir giudicato in un modo da alcuni giudici, ma in maniera diametralmente opposta da altri (i ricorsi servono a questo), per porsi qualche domanda. Gli interrogativi, invece, sembra se li pongano solo le persone che, per un motivo o per un altro, vengono risucchiate da procedimenti penali dai quali non pochi escono con le ossa rotte, anche se, alla fine, vengono dichiarati innocenti.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il caso Gulliver”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.