Seleziona una pagina

Le Edizioni Flamingo, create dallo psichiatra Orlando Del Don, danno la possibilità di pubblicare ad autori e sconosciuti. Tra cui il 20enne di Cadenazzo, Leo Silva Brites

All’inizio si chiamava Quovadis. Perchè, in fondo, si navigava a vista. Poi, dal 2016, Flamingo, ispirandosi all’uccello esodito che spicca il volo. Storia di una piccola casa editrice situata nel cuore di Bellinzona, e che ha una grande missione sociale. «Diamo la possibilità di scrivere e di pubblicare a persone che magari troverebbero le porte chiuse presso i “big”», ammette il fondatore Orlando Del Don. 

Una casa editrice non a scopo di lucro, che non chiede alcun contributo economico all’autore. Tra chi ha colto l’opportunità, il 20enne di Cadenazzo Leo Silva Brites, autore di “In bilico tra cuore e cervello. Un testo sorprendente, pubblicato nel 2019. «In primis – evidenzia Del Don-, perchè scritto in poesia, un genere di nicchia, che solitamente tira poco. Invece il libro di Leo va stranamente forte». Leo, che a settembr einizierà la formazione di fisioterapista alla SUPSI, si è lanciato. «Come sfogo personale – racconta il 20enne -. Nella prima parte del libro si vede il mio lato più introverso. Poi mi scolgo. Mi ha sorpreso il fatto di essere contattato sui social da miei coetanei, pensavo che agli altri ragazzi la poesia non interessasse. Molti si sono identificati nelle mie emozioni». Tra le caratteristiche delle edizioni Flamingo, anche quella di dare un’occasione a persone che hanno vissuto passaggi di vita delicati.

Lo stesso Del Don di professione è psichiatra. «Alcuni sono arrivati anche a pubblicare un libro. Altri invece collaborano all’impaginazione, alla rilegatura. Un laboratorio che permette di fare un passaggio verso il ritorno a una quotidianità regolare. »

Testo di Patrick Mancini         Foto di Stefano Musso

css.php